venerdì 29 luglio 2016

Good Morning Call


Grazie a Netflix possiamo finalmente goderci legalmente, anche se solo sottotitolati in italiano, alcuni drama orientali, che la potente multinazionale dell'intrattenimento online co-produce assieme ad emittenti locali, in questo caso la nipponica Fuji TV. Capita così che in una non troppo calda serata estiva il vostro blogger decida di arrischiarsi a vedere il primo episodio del qui presente Good Morning Call, attirato dal bel visino della idol di turno...

Il cast al completo

Il telefilm in questione è una novità freschissima del 2016, ma la storia è tratta da un vecchissimo shojo manga (fumetto sentimentale) dell'autrice Yue Takasuka, datato 1997 e serializzato fino al 2002.
La storia in breve: la liceale Nao Yoshikawa (interpretata dalla deliziosa Fukuhara Haruka) per continuare a frequentare la sua scuola è costretta ad andare a vivere in affitto, perché i suoi genitori hanno abbandonato tutto e si sono trasferiti in campagna. Grazie ad un colpo di fortuna trova un appartamento grande e in ottima posizione ad un costo davvero basso, troppo basso: solo dopo il trasloco scopre infatti di essere stata truffata, perché l'agenzia - nel frattempo fallita - aveva affittato il locale anche ad un'altra persona.

Telefilm e fumetto

Il coinquilino a sorpresa è Uehara Hisashi (Shiraishi Shunya), che non solo frequenta la sua stessa scuola, ma è anche uno dei più bei ragazzi in circolazione, di cui tutte le sue compagne sono innamorate, nonostante il suo carattere apparentemente freddo e scontroso. 


Una volta scoperta la truffa i due apprendono di dover pagare un affitto raddoppiato che non potrebbero permettersi: decidono pertanto di dividere spese e appartamento e quindi convivere, mantenendo il segreto sia con i familiari che con i compagni di scuola. Il rapporto tra i due all'inizio non è facile, Nao è invadente e pasticciona, mentre Uehara sembra voler mantenere le distanze: ma un evento inaspettato li aiuterà a conoscersi meglio...


L'origine shojo del prodotto appare evidente fin dai primi momenti di visione, con situazioni tipiche dei manga per ragazze, a partire dalla protagonista, l'unica a non interessarsi al bello della situazione ma col quale finisce per dividere la casa grazie ad una circostanza fortuita, senza contare il fatto che altri idol maschili della scuola spasimano per lei senza che la protagonista se ne accorga: situazione che ogni ragazza - immagino - sogna, ma di difficile realizzazione nel mondo reale.
La protagonista, Fukuhara Haruka, è carina e simpatica e si destreggia senza troppo imbarazzo con espressioni e comportamenti ripresi direttamente dal fumetto: meno convincente appare Shiraishi Shunya, che dovrebbe apparire misterioso ed affascinante ma l'interpretazione lo fa sembrare un po' tardo.


La storia è una commedia sentimentale abbastanza piacevole e divertente, anche se l'idea di vedere 17 episodi da 50 minuti l'uno di situazioni buffe, malintesi e romanticherie varie un poco mi spaventa, non so se arriverò fino in fondo. Ma il prodotto è valido e la visione consigliata a tutti gli amanti, o per meglio dire LE amanti del genere, perché l'impostazione per un pubblico femminile è evidente.

Relazioni tra i protagonisti: tranquilli, nessuno spoiler, si capisce subito come finirà...

1 commento:

  1. lo sto vedendo su netflix e mi mancano due puntate...... :)

    RispondiElimina

Grazie per il tuo commento: lo stesso diventerà visibile solo dopo un controllo da parte del titolare del blog. Grazie per la comprensione.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...