domenica 22 gennaio 2017

Silence di Martin Scorsese


Silence di Martin Scorsese è il film che il famoso regista voleva realizzare da una vita e che, incidentalmente, è ambientato nel Giappone del '600, ragione per cui lo trovate su queste pagine. Ma non preoccupatevi, non mi ritengo un critico ed il film è molto complesso, non me la sentirei nemmeno di scrivere una "vera" recensione dopo appena una visione, quindi mi limiterò ad esaminarlo relativamente a quella che è la mia - ed immagino la vostra - passione.
Dunque Silence come film ambientato in Giappone ma realizzato da americani vale la visione o sarà il solito concentrato di stereotipi razziali?

venerdì 20 gennaio 2017

Bud Spencer as Bambino (Lo chiamavano Trinità) by Supacraft


Capita a volte che una ditta del tutto sconosciuta e dal nome buffo come Supacraft (finora al loro attivo si segnala soltanto un busto di Walter White di Breaking Bad) ti tira fuori all'improvviso una statua da Lo chiamavano Trinità, una statua di Bambino, interpretato dal grandissimo Bud Spencer? Una statua, a quanto dicono, approvata dallo stesso Bud poco prima che venisse a mancare e che ritrae uno dei due eroi assoluti della tua infanzia?

giovedì 19 gennaio 2017

Bulma by Banpresto

Buon 2017 a tutti, anche se molto in ritardo. E per ben cominciare l'anno nuovo ecco a voi un bel servizio dedicato ad un pezzo del... del... ehm, 2014, ma non è mai troppo tardi no?


Come la sua collega Arale, questa Bulma è stata scolpita da Banpresto per la sua linea Figure Colosseum, SCultures, Zoukei Tenkaichi Budoukai 4. Adoro Banpresto perché quasi sempre riesce a coniugare prezzi eccellenti a prodotti di ottima fattura, in grado di non sfigurare a fianco di pvc del costo di centinaia di euro, mentre Bulma, tanto per dire, costava 1500 yen, circa 12 euro!

mercoledì 14 dicembre 2016

Eowyn a Edoras by Weta


Bentornati, oggi vi parlo del mio secondo acquisto del 2016 legato alla saga di Tolkien: dama Eowyn, sempre della Weta, catturata così come appare in una celebre sequenza de Le Due Torri, una delle immagini forse tra le più evocative della saga cinematografica di Peter Jackson.


Chi non ricorda la dama bianca che osserva dall'alto del palazzo reale di Edoras l'approssimarsi dei cavalieri, mentre il vento strappa la bandiera dei Rohirrim, portandola a posarsi ai piedi del sopraggiungente Aragorn, a presagio del suo futuro regale?

martedì 6 dicembre 2016

One Piece Gold by Koch Media


Ho già detto di come ultimamente la tendenza nei nostri cinema stia leggermente cambiando ed ogni tanto capiti di vedere prodotti che mai ci saremmo sognati di veder distribuiti: la strada l'hanno aperta le proiezioni speciali, ridotte ad una o due serate, di anime originariamente destinati all'home video, per poi avere proiezioni "regolari" di prodotti come Capitan Harlock, Saint Seiya o il live action di Lupin III, che in alcuni casi hanno riscosso un buon successo.
Quest'anno tocca a Koch Media tentare la strada del film d'animazione giapponese al cinema e la scelta è ricaduta su One Piece Gold, film che dovrebbe celebrare i 19 anni di vita del manga (perché non aspettare i 20 per celebrare? Mah...) e che in Giappone si è rivelato un campione di incassi, ma che anche in Italia è conosciuto e vanta un folto numero di appassionati, grazie alla trasmissione della serie televisiva.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...